Come limitare al massimo il contatto con le sostanze chimiche

Di , scritto il 02 Gennaio 2014

sostanze chimichePer preservare la nostra salute personale e per inquinare il meno possibile, tutti noi dovremmo abituarci a vivere con il minimo possibile di sostanze chimiche di sintesi. E invece, ci insegnano gli esperti, anche cibi apparentemente innocui come il pane e il riso o le bibite ne contengono a decine, per non parlare dei cosmetici e dei detergenti con cui curiamo la nostra pelle. Per ulteriori approfondimenti, si veda il nostro articolo sugli interferenti endocrini. Di fatto, condurre una vita che evita il contatto con i composti chimici è tutt’altro che semplice; ecco alcuni consigli piuttosto scontati, ma sempre utili.

* Dare sempre la preferenza al cibo fresco su quello conservato o inscatolato, che è sempre prodotto con l’utilizzo di composti volti ad allungarne la vita e oltretutto contiene un minor numero di nutrienti preziosi, soprattutto vitamine.
* Preferire sempre l’acqua alle bibite e ai succhi di qualsiasi tipo, che sono pieni di zuccheri e tossine.
* Stare lontani dai fumatori: il fumo passivo fa assorbire praticamente la stessa quantità di sostanze dannose quanto il fumo “attivo”.
* Produrre detersivi e detergenti domestici con sostanze naturali non nocive come bicarbonato di sodio, sapone di Marsiglia, limone, borace, aceto e vapore d’acqua acqua (seguite i link per alcuni suggerimenti sui detersivi naturali per pavimenti, per la cucina, per il bagno e per il bucato ecocompatibile).
* Svolgere regolare attività fisica, che aiuta nel ricambio e nell’ossigenazione cellulare – un processo vitale per mantenerci sani.
* Dare la preferenza ai cibi sani, ricchi di fibre (frutta e verdura), di acidi grassi Omega 3 (frutta secca con guscio e pesce azzurro).



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009