I supervulcani: una fonte naturale di litio per le batterie?

Di , scritto il 20 Settembre 2017

Sulla Terra esiste una decina di supervulcani, ovvero di caldere a livello del suolo con un diametro di svariate decine di chilometri. I più famosi di essi sono il parco di Yellowstone (negli USA), i Campi Flegrei (in Campania) e il lago Toba (in Indonesia). Si tratta di bocche che possono produrre gigantesche eruzioni vulcaniche, con effetti da cataclisma sulla vita stessa del pianeta. Fino a quando rimangono silenti, però, spesso vengono riempite dall’acqua piovana danno origine a laghi, nei quali sono presenti sedimenti vulcanici e grandi concentrazioni di litio. Lo ha rivelato una ricerca della School of Earth, Energy and Environmental Sciences dell’università di Stanford, in California.

Il litio, da due decenni a questa parte, è diventato fondamentale per la fabbricazione delle batterie per gli strumenti elettrici ed elettronici: le batterie agli ioni di litio sono a ricarica più rapida e durano più a lungo. L’elemento chimico Litio è diventato perciò molto richiesto, estratta soprattutto in Australia, Cile, Bolivia e Argentina. Gli effetti di questa scoperta potrebbero essere rilevanti, poiché in futuro il mercato del litio potrebbe non essere più esclusivamente in mano alle grandi compagnie estrattive, molto propense a speculare sull’estrazione di questo elemento, sempre più richiesto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009