La seta di ragno creata in laboratorio, uno dei materiali del futuro

Di , scritto il 12 Gennaio 2017

Nasce dall’osservazione della seta secreta dai ragni per la costruzione delle ragnatele la messa a punto in laboratorio di un materiale sintetico eccezionalmente forte e sensibile.

La seta dei ragni è una fibra proteica microscopica composta da oltre 3500 amminoacidi, costruita dagli aracnidi con la solidificazione di una sostanza liquida elaborata da particolari ghiandole presenti sul loro corpo. Questa seta ha una resistenza alla trazione quattro volte superiore all’acciaio ed è tre volte più elastica. La sua durezza è di tre volte superiore a quella della fibra sintetica Kevlar e altrettanto alto è il rapporto tra carico di rottura e densità rispetto al Nylon.
Grazie alle sue sorprendenti qualità, questo materiale è da anni al centro di numerose ricerche riguardo lo studio della sua composizione e la sua possibile riproduzione sintetica. Ma i problemi non si sono fatti attendere.

I ragni non possono essere allevati come i bachi da seta, perché per natura essi si divorerebbero a vicenda. E comunque, la seta ricavata da ogni singolo ragno sarebbe in quantità infinitesimale. Anche la riproduzione in laboratorio del procedimento è però complesso. Dopo lunghi studi l’azienda canadese Nexia Biotechnologies Inc. è riuscita a isolare i geni del DNA dei ragni e a inserirli nelle cellule mammarie di una capra, che così produce la proteina della seta nel suo latte. Dopo la mungitura, il materiale viene disidratato e filato in laboratorio, acquisendo il nome di Biosteel, una fibra con le caratteristiche di resistenza ed elasticità citate sopra (a cui si aggiungono proprietà antimicrobiche), del tutto biodegradabile e ottenuta senza attivare petrolchimici inquinanti.

Queste alcune delle applicazioni della “seta di ragno sintetica”:
* sutura delle ferite, costruzione di tendini artificiali
* materiale componente per cinture di sicurezza, cavi da paracadute e airbag per auto
* realizzazione di giubbotti antiproiettile leggerissimi.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009