Il colorante ‘rosso nilo’ localizza le fibre di microplastica nei mari

Di , scritto il 06 Dicembre 2017

Sappiamo quanto sia grave il problema della presenza di plastica nei mari e negli oceani. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non tutti gli oggetti in questo materiale sintetico sono immediatamente visibili. Anzi, secondo gli esperti ben il 99% della plastica finita nei mari è diventata talmente piccola da risultare invisibile. Si parla infatti di microplastica, intendendo la massa di materiale polimerico dello spesso uguale o inferiore a 1 millimetro, così diffusa da riuscire a entrare nel ciclo dell’acqua (dove l’acqua marina viene dissalata può arrivare sino ai rubinetti domestici) e da essere ingerita dai coralli.

Una ricerca dell’università di Warwick, in Gran Bretagna ha portato a una brillante scoperta: si può utilizzare il rosso nilo, colorante utilizzato in microscopia e fluorescenza, per individuare le fibre di plastica invisibili, quello dello spessore di 20 micrometri (pressapoco come un capello umano o una fibra di lana).Il colorante viene usato insieme all’acido nitrico e mette in evidenza le particelle di microplastica presenti sia nell’acqua che nella sabbia.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009