Micosi cutanee: imparare a riconoscerle ed eliminarle

Di , scritto il 06 Novembre 2017

Quando i funghi normalmente presenti sulla pelle riescono a superare le difese naturali del corpo, da innocui possono diventare patogeni e dar luogo a infezioni cutanee: in questi casi si tratta di micosi cutanee, una problematica della pelle piuttosto comune. Di solito queste infezioni colpiscono l’organismo indebolito da medicinali o da semplice stress, ma dipendono anche dallo stile di vita della persona, essendo questi funghi principalmente diffusi in piscine, palestre e altri luoghi molto frequentati. Per evitare che l’infezione si estenda, è fondamentale riuscire a riconoscerla in tempo e fermarla subito con delle cure indicate.

Micosi del corpo: imparare a riconoscerla
Di solito conviviamo senza problemi con la moltitudine di funghi che affolla la nostra cute. Ma in certe situazioni, ad esempio durante un abbassamento delle difese immunitarie (dovute a cure antibiotiche, diabete etc.), quando la pelle subisce escoriazioni o ustioni, oppure quando si creano condizioni di scarsa igiene o sudorazione ristagnante, questi funghi tendono a proliferare e provocare infezioni.

In generale, dev’essere tenuta d’occhio qualsiasi alterazione dell’epidermide: i campanelli d’allarme più comuni della micosi del corpo sono macchie puntiformi bianche o rosse più o meno estese, una strana sensazione di “pelle tirata” e pruriti inspiegabili. Le micosi del corpo non vanno sottovalutate, perché tendono ad estendersi rapidamente su tutto il corpo. Inoltre possono essere trasmesse con facilità sia per contatto diretto sia attraverso asciugamani e abiti.

Come curare le micosi della pelle?
Ai primi segnali di un’infezione di dermatomicosi, la cosa migliore da fare è rivolgersi subito al proprio medico o farmacista, che potrà confermare l’infezione e consigliare un prodotto adatto per la cura. Di solito si possono applicare farmaci specifici per la micosi del corpo come ad esempio Trosyd, disponibile in farmacia. Questi prodotti andranno poi applicati tutti i giorni e per qualche settimana sulla parte interessata.

In situazioni non gravi sono anche efficaci i rimedi naturali: le applicazioni di acqua tiepida salata, di bicarbonato in densa soluzione acquosa, di olio essenziale di origano o di creme alla calendula danno buoni risultati. Un pediluvio quotidiano con acqua tiepida e comune aceto, meglio se di mele, potrà curare una micosi lieve. Anche l’aglio è un ottimo rimedio naturale, sia usato localmente applicando i bulbi con un impacco tiepido, sia consumato durante i pasti o assunto sotto forma di compresse.

Come prevenire le micosi cutanee
Come tutti i funghi, anche quelli della pelle prediligono ambienti caldi e umidi. Ascelle, inguine, lo spazio tra le dita dei piedi sono i punti in cui i funghi tendono a riprodursi eccessivamente provocando infezioni. Spesso si sottovaluta l’importanza di asciugarsi alla perfezione dopo la doccia: chi utilizza spesso scarpe da ginnastica farà bene a usare l’asciugacapelli per eliminare tracce di bagnato tra le dita dei piedi. Sono da evitare biancheria intima contenente fibre sintetiche e in generale qualsiasi indumento che non lasci respirare la pelle. Infine, è opportuno non camminare a piedi nudi in piscina, nelle stanze d’albergo o nei viali dei parchi. Bisogna evitare di scambiarsi accappatoi e asciugamani, e utilizzare oggetti di toletta altrui. Si tratta di pochi accorgimenti, molto utili però ad evitare queste fastidiose infezioni.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009