DiChePlastica6: un progetto per insegnare a distinguere tra plastica tradizionale e plastica biodegradabile

Di , scritto il 06 Novembre 2017

DiChePlastica6 è un’iniziativa volta a favorire e promuovere la corretta gestione ambientale degli imballaggi in plastica. Il progetto è nato dalla collaborazione tra le associazioni e i consorzi Assobioplastiche, Conai, Corepla e CIC e costituisce un eccellente tentativo di fare un passo avanti in Italia verso il rafforzamento di una economia circolare, nella quale i rifiuti sono delle risorse.

Servendosi di contenuti pubblicitari, video esplicativi e social network, il progetto mira a raggiungere il grande pubblico – purtroppo ancora spesso incapace di riconoscere e separare in maniera correttamente gli imballaggi in plastica e bioplastica. In percentuale non sono infatti molti i cittadini davvero capaci di distinguere con cura due materiali solo apparentemente simili: quelli degli imballaggi in plastica tradizionale e quelli in bioplastica – che devono percorrere strade totalmente diverse per lo smaltimento.

Gli imballaggi in plastica includono varie tipologie di materiali costituiti da differenti polimeri, quasi tutti riciclabili – ovvero capaci di tornare a essere una materia prima “seconda” per la realizzare oggetti di uso quotidiano oppure, per le plastiche non ancora riciclabili, per la produzione di combustibili alternativi presso impianti specializzati. Le plastiche “tradizionali” sono contrassegnate da sigle come PET (polietilene tereftalato), PE-HD (polietilene ad alta densità), PVC (cloruro di polivinile), PE-LD (polietilene a bassa densità), PP (polipropilene), PS (polistirene). Questo tipo di materiale deve essere conferito nelle campane o nei cassonetti “per la plastica”.

 

 

Gli imballaggi in bioplastica sono quelli fabbricati con materiali derivanti sia da fonti rinnovabili sia di origine fossile. Sono materiali biodegradabili e compostabili e come tali devono essere smaltiti nella frazione organica dei rifiuti domestici (anche nota come “umido”), dalla quale torneranno in natura sotto forma di prezioso compost di ottima qualità per fertilizzare il terreno. Sono riconoscibili mediante i loghi raffigurati qui sotto.

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009