I vari modi in cui la plastica torna a nuova vita

Di , scritto il 06 Giugno 2017

Chi di noi non prova una sensazione di sollievo nel sapere che la plastica correttamente smaltita con la raccolta differenziata non andrà a ingrossare i volumi delle discariche o a inquinare gli oceani, ma sarà trasformata in qualcos’altro di utile per la vita quotidiana e di non dannoso per l’ambiente?

Le bottiglie di acqua minerale vuote, le vaschette in cui acquistiamo frutta e verdura, i flaconi dei detersivi. Che cosa avviene a questi imballaggi quando entrano in uno stabilimento per il ricupero della plastica? Semplificando un po’ potremmo riassumere così il processo di riciclo:
* selezione e suddivisione dei vari tipi di plastica: le bottiglie vengono lavate in acqua calda per eliminare etichette ed eventuali impurità, i flaconi di detersivo sono sottoposti a processi meccanici di eliminazione dei materiali indesiderati.
* il materiale plastico viene trasformato in fiocchi di colori e materiali diversi. Si tratta di una materia prima secondaria che ha un notevole valore commerciale (dai 400 ai 600 euro la tonnellata) che può essere nuovamente fusa e stampata.

In particolare:
– dalle bottiglie di plastica si ottengono scaglie di PET adatte per la produzione di nuove bottiglie d’acqua, vaschette e contenitori per il packaging, ma anche lastre e prodotti per l’edilizia, per l’industria dell’auto o per il settore tessile.
– dai flaconi di detersivo si ricavano granuli destinati alla produzione di tubi.
– dagli shopper e dagli altri imballaggi sotto forma di pellicola (circa il 70% della produzione totale) si ottengono scaglie e granuli utilizzate per produrre vasi per fiori, manufatti per l’arredo urbano, nuovi sacchetti e materiali per l’edilizia (ad esempio canaline, distanziatori e guaine bituminose).

Tutti gli scarti residui vengono trasformati in CSS, ovvero combustibile solido secondario. In questo modo il riciclo della plastica è davvero totale.

Nel 2016 in Italia abbiamo smaltito correttamente circa 960 tonnellate di plastica e la notizia è sicuramente positiva. Tuttavia occorre entrare nell’ordine di idee che i polimeri plastici provengono da una materia prima esauribile come il petrolio: utilizzare la plastica per articoli usa-e-getta non è sostenibile sul lungo periodo. Riciclare la plastica è fondamentale, ma altrettanto lo è ridurne a monte l’utilizzo e il consumo. Bastano piccoli accorgimenti quotidiani: evitare i prodotti con imballaggi eccessivi, acquistare prodotti sfusi invece che in vaschetta, bere l’acqua del rubinetto ogni volta che ciò è possibile e ridurre tutto ciò che è usa-e-getta (piatti, bicchieri, rasoi, spazzolini da denti).



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009